Alonso: la “sliding doors” tra Mercedes e McLaren

Fernando Alonso ha rivelato nel 2015 fu presa in esame l’ipotesi di portare a termine uno scambio di piloti Ferrari e Mercedes: l’asturiano sarebbe salito sulla monoposto tedesca mentre Lewis Hamilton avrebbe occupato il seggiolino della Rossa.
La proposta fu poi accantonata e Alonso decise di passare alla McLaren.
Fantasie? Forse, ma per quanto incredibile la storia è stata raccontata dallo stesso Fernando Alonso durante un’intervista rilasciata alla radio spagnola Cadena Ser: “Sì, l’offerta c’è stata” ha detto l’ex pilota Ferrari “Le circostanze hanno reso possibile questa eventualità, ma la Ferrari non ha voluto arrivare in fondo. Eravamo in piena trattativa per il rinnovo fino al 2019 del mio contratto, ma l’offerta del Cavallino non mi aveva convinto quindi decisi di trasferirmi alla McLaren-Honda”.
Una trattativa che se fosse andata in porto avrebbe cambiato non poco i destini del campionato 2016.

Dopo una confessione di questo livello è lecito chiedersi se il due volte campione del mondo abbia qualche rimpianto. “Nessun rimpianto” ha spiegato in un’altra intervista a Radio Cope. “Ho un buon ricordo. Gli anni alla Ferrari sono stati molto buoni, cinque anni indimenticabili e vorrei che tutti i piloti potessero un giorno guidare per la Ferrari perché è un’esperienza davvero unica”.
Alonso spiega quindi perché ha deciso di voltare pagina: “Il rinnovo del contratto avrebbe significato chiudere la mia carriera in Ferrari e probabilmente non riuscire più a vincere. Cinque anni passati all’inseguimento sono stati molto stressanti sia mentalmente che fisicamente”.
Eccoci quindi al presente: “Guidare in F1 ora mi piace molto di più, nonostante sia 10 posizioni indietro rispetto alla Ferrari, anche se quest’anno spero di essere più vicino”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn