Calcio: le pagelle di Man City-Napoli 1-1

da www.sscnapoli.it

Sfacciato, coraggioso ed efficace. E’ tutto questo il Napoli che ritorna in Champions League dopo 21 anni strappando un meritato pareggio sul campo di una potenza economica e tecnica come il Manchester City. Niente a che vedere con le barricate di ieri del Milan a Barcellona, i partenopei soffrono un po’ nel primo tempo – senza però rinunciare a pungere – ma nella ripresa ribattono colpo su colpo alla squadra di Mancini. Ecco perché l’1-1 è un risultato davvero meritato

Queste le mie pagelle:

De Sanctis 6,5: non fa miracoli ma è sempre preciso e trasmette sicurezza ai compagni. E’ tradito solo dalla barriera in occasione della punizione del pareggio di Kolarov.
Aronica 7: partitone del difensore siciliano. Sfrutta il suo senso di posizione e la sua esperienza per imbavagliare insieme ai compagni di reparto sia la potenza di Dzeko sia la tecnica e la velocità di Aguero. Si toglie anche lo sfizio di un paio di incursioni in area avversaria alla Paolo Maldini.
Cannavaro 7: traballa in qualche occasione ma cresce di minuto in minuto e alla fine è un baluardo sicuro e affidabile. Un vero capitano.
Campagnaro 6,5: entra subito in clima partita e non ci esce mai. Grande personalità anche se qualche piccolo svarione lo commette.
Maggio 7: all’inizio soffre un po’ la partita. Poco lucido e preciso. Nella ripresa esplode fragorosamente ed è lui che innesca Cavani dopo una percussione strepitosa.
Inler 6: mette fisico e sostanza al servizio della squadra e quindi merita la sufficienza. Mi aspettavo più intraprendenza da uno come lui.
Gargano 7,5: vero e proprio uomo-ovunque. Pronto a pressare e contrastare ma anche tra i più abili a far ripartire la squadra. Sembrava ormai messo un po’ ai margini da Mazzarri ma se gioca sempre così torna a essere titolare inamovibile.
Zuniga 6,5: magari da lui ci si aspettava qualcosa in più in fase offensiva e qualche problema a livello difensivo. In realtà dietro non sbaglia quasi nulla ed è forse troppo preoccupato degli avversari per sprigionare la sua velocità.
Lavezzi 6,5: nel primo tempo è l’uomo che fa respirare il Napoli e che fa paura al City. Splendida l’azione con la quale colpisce la traversa a portiere battuto. Complice un problema fisico cala enormemente nella ripresa. (Dal 12′ st) Dzemaili 7: con il suo ingresso il Napoli cambia volto diventando ancora più sicuro e pericoloso.
Hamsik 7: nel primo tempo sembra il solito Hamsik delle grandi partite, nascosto e poco propositivo. In realtà corre e ritorna aiutando una squadra in sofferenza. Nella ripresa sale in cattedra e sfiora due volte il gol. (Dal 44′ st) Santana sv: quattro minuti compreso il recupero per far rifiatare Hamsik.
Cavani 7: torna matador infilzando anche una super squadra come il Manchester City. Cosa chiedergli di più? (Dal 39′ st) Pandev sv: entra in campo solo pochi minuti
Mazzari 8: è lui il vero valore aggiunto di questo Napoli. Non sbaglia una mossa: imbriglia il Manchester City e cerca di affondarlo con rapide ripartenze. Azzecca anche il cambio dell’acciaccato Lavezzi con Dzemaili.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment