Calcio: Milan, Leonardo risponde alle critiche di Berlusconi

“Basta una parola di Berlusconi e me ne vado”. Leonardo ha risposto così alle critiche del patron del Milan. “Il Milan ha tutto per vincere se lo facessero giocare bene”, aveva detto Berlusconi forse un po’ ingenerosamente dopo Milan-Manchester (finita 3-2 per gli inglesi). Una risposta piena di dignità quella del tecnico brasiliano che ha dimostrato ancora una volta di essere un aziendalista ma con personalità.

Io credo che Leonardo non potesse ottenere risultati migliori con l’organico che ha a disposizione, secondo me inferiore non solo a quello dell’Inter ma anche a quello di Juventus e Roma.

Tuttavia io sono convinto che il buon Leo non sia ancora un allenatore. Non è ancora riuscito a dare un equilibrio alla squadra: se è compatta non costruisce occasioni, se vuole attaccare regala spazi imbarazzanti anche all’avversario più scarso. E poi la gestione dei cambi in corsa non ha ancora una logica.

Il brasiliano per me è un tecnico ancora in divenire che sta crescendo di mese in mese. E questo era nelle previsione perché lui fino a un anno fa nemmeno aveva pensato di fare questo mestiere. Si sta facendo le ossa alla guida di una grande squadra e chi lo ha scelto o ha accettato che lo scegliessero per lui, dovrebbe supportarlo e non far uscire dichiarazioni così pesanti: tolgono serenità e danno alibi a giocatori che non dovrebbero averne.
Leonardo deve ancora crescere ma il suo lavoro non merita giudizi di questo tipo da chi ha deciso di delegare e di non occuparsi più della sua creatore

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment