Calcio: oggi si decide lo scudetto. Se l’Inter vince a Firenze è fatta

Forse esagero, ma oggi secondo me si può decidere lo scudetto. Dipende dall’Inter e dal suo risultato con la Fiorentina. Dovessero vincere, i nerezzurri potrebbero quasi cucirsi il tricolore sul petto. Quando e dove potrebbero perdere altri punti? Qualcuno penserà alla sfida con la Juventus di venerdì prossimo ma la Juve di questo ultimo periodo non dà segni di vita, encefalogramma piatto. Certo a Milano si può giocare l’orgoglio, ma anche l’Inter lo farà. Superati i bianconeri, ai ragazzi di Mourinho resterebbero solo partite di basso spessore: qualcuno, scaramanzia a parte, può pensare che perdano punti con Atalanta, Lazio, Chievo e Siena?
La Roma quindi deve sperare in un mezzo passo falso dell’Inter a Firenze e battere domani l’Atalanta perché a quel punto sarebbe lei ad avere lo scudetto nelle proprie mani. Anche il calendario dei giallorossi infatti non è impossibile. Sulla carta solo il derby con la Lazio fra una settimana può creargli delle difficoltà e non per la forza dei biancocelesti ma solo per il fatto che una stracittadina è sempre una gara a parte. I ragazzi di Ranieri dovranno poi affrontare squadre senza troppi stimoli come Sampdoria, Parma, Cagliari e Chievo e difficilmente si farebbero sfuggire un poker di vittorie.
Il Milan, tre punti dietro l’Inter, invece dovrebbe fare un miracolo anche solo per restare in lizza matematicamente fino alla fine: Catania (in casa), Samporia, Palermo, Fiorentina (in casa), Genoa e Juve (in casa) sono partite troppo complicate per una squadra con mille infortuni e con le energie ormai al limite.
Tutto questo ovviamente sulla carta (e questo vale anche per tutte e tre le squadre). I tifosi della Roma meno giovani per esempio ricordano purtroppo molto bene il 20 aprile 1986 e quel Roma-Lecce 2-3, con i salentini già matematicamente retrocessi, che gli tolse un tricolore che sembrava già vinto. Ma di esempi ce ne sono anche altri: Verona-Milan 5-3 (20 maggio 1973) o Lazio-Inter 4-2 (5 maggio 2002) tanto per citarne uno anche per le altre squadre in lotta per questo scudetto. Tutte date storiche e difficilmente ripetibili.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment