Calcio: serie A sempre più equilibrata

Probabilmente la fuga della Lazio si sta esaurendo ma non è che le rivali d’alta classifica stiano dando dei segnali così positivi. I numeri dicono che i biancocelesti sono ancora in vetta ma che ora il vantaggio sulla seconda, il Milan è di soli due punti, e più in generale ci sono cinque squadre raccolte in quattro punti.

Analizzando le partite del decimo turno la riscossa delle blasonate è più nei risultati che sul campo. La Lazio ha perso un derby equilibrato deciso da alcuni episodi ma ha dimostrato ancora una volta che non è lì per caso.

Inter e Milan invece continuano a non convincere. I nerazzurri per sfortuna (i mille infortuni) e forse per appagamento non hanno continuità e rallentano anche in partite (vedi pareggio casalingo con il Brescia) che un tempo avrebbero vinto senza colpo ferire. I rossoneri invece nonostante il successo di Bari sono alle prese con un allenatore, Allegri, che non ha capito come metterli in campo. Dal tridente super-offensivo schierato con il Real Madrid (con in più Pirlo e Boateng che incontristi non sono), si è passati alla soluzione Seedorf alle spalle di Ibra e Robinho contro i pugliesi con dietro un centrocampo solido formato da Ambrosini, Gattuso e Flamini. Il paradosso è che contro una squadra debole e in crisi il tecnico del Milan ha schierato soli tre uomini offensivi (tra l’altro con Seedorf che è garantisce anche un supporto al centrocampo) mentre contro il Real di Mourinho si è spinto al tridente pesante con il solo Gattuso a recuperare palloni. Mah mi pare che le idee di Allegri non siano proprio chiare.

Alle spalle delle milanesi ci sono Juventus e Napoli altre due squadre poco continue. I bianconeri come l’Inter hanno l’alibi delle tante assenze ma mi sembrano, nonostante gli ultimi risultati positivi, in fase di involuzione a livello di gioco. Stimo molto Delneri e mi aspettavo una Juve messa in campo meglio a questo punto della stagione, al di là degli interpreti. Invece contro Milan, Salisburgo e Cesena non ho visto progressi. Il Napoli gioca davvero male ed è salvato dai singoli, Cavani su tutti ma anche Lavezzi. Per stare in zona Champions non basta, secondo me.

Spendo una parola anche per la Roma. Per la rosa che ha dovrebbe stare molto più in alto. I segnali di ripresa sono incoraggianti e non mi stupirei in tanto piattume di rivedere tra qualche giornata i giallorossi nelle parti alte della classifica

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment