Calcio: tutti contro Totti, ma Mourinho è meglio di lui? (VIDEO CON I MIGLIORI GOL DEL CAPITANO GIALLOROSSO)

Mi aspettavo una levata di scudi contro Francesco Totti, ma non di queste dimensioni. Mi aspettavo qualche critica a Mourinho, ma niente. Il silenzio dei nemici non è poi così assordante.

Si sdottora alla grande, dal più grande quotidiano al più piccolo blog, sulle stupidate che il capitano della Roma ha commesso in campo nella sua lunghissima carriera. E’ un bersaglio davvero facile: in tanti anni non si è fatto mancare niente, calci, schiaffi, pugni, sputi ecc. ecc. E poi ieri ha fatto qualcosa di veramente stupido. Da sottolineare anche duramente.
Detto questo, mi risulta però difficile sentire tutti queste critiche da parte di soloni che poi non usano lo stesso metro con chi ha davvero preparato il terreno di battaglia, usando la parola per far scaldare ancora di più gli animi prima di una partita che già era carica di tensioni. Vi ricordate quello che ha detto Mourinho in conferenza stampa? Gli attacchi alla Sensi, alla Roma in genere? Lo Special One è una persona intelligente, tatticamente insuperabile che però sceglie scientificamente di provocare per innervosire gli avversari e per aumentare le chance di vittoria. E’ lui uno dei mali di questo calcio non Totti. Il teatrino sui torti arbitrali, le prese in giro degli avversari prima e dopo i match e tante altre cose che esaltano i suoi e fanno incavolare gli avversari sono tutte preparate a tavolino e non frutto di un momento di rabbia come succede a Totti. Per questo motivo secondo me è peggio. Mi spiace deludere i suoi adepti, Mou è un freddo, un calcolatore, uno che pensa soltanto ai successi personali e ai suoi ingaggi, uno che non esulta nemmeno per la vittoria di una Champions se lo ritiene necessario (ricordate ai tempi del Porto dopo la finale del 2004?). In due anni con il suo modo di fare ha conquistato i tifosi nerazzurri ma come? Aveva la squadra più forte, ha vinto con merito e in più si è fatto odiare da tutti gli avversari in modo da stringere intorno a sé gli interisti. E adesso? Adesso se ne va al Real e dopo soli due anni. Che ultrà nerazzurro… Ha preparato il terreno con il suo malessere verso il calcio italiano per andare a conquistare la Spagna e i suoi soldi con lo stesso metodo. I madridisti lo ameranno perché conquisterà tutto (ci riuscirà perché avrà una squadra fortissima e perché lui se non è il migliore poco ci manca) e si farà odiare da tutti gli altri (in sto caso è avvantaggiato, i tifosi del Barça già lo odiano). Come allenatore è un grande ma il suo modo di fare proprio non lo digerisco. Non mi mancherà. Ha ragione perché vince ma io voto Totti, e ho i miei buoni motivi…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment