Champions: dopo 38 anni l’Inter torna in finale. Eliminato il Barcellona

Dopo tre anni di attesa una squadra italiana si qualifica per la finale di Champions League. La soddisfazione questa volta se l’è tolta l’Inter che torna a giocare l’ultimo atto della più importante manifestazione europea dopo ben 38 anni. E i nerazzurri ci arrivano dopo aver eliminato le due favorite principali il Chelsea e il Barcellona.
Al Camp Nou una bellissima sconfitta per 1-0 e una qualificazione strappata con i denti, grazie a un catenaccio stile tempi andati, ma meritata per aver retto oltre un’ora in dieci contro undici (espulsione non proprio chiarissima di Thiago Motta) contro una squadra ricca di fuoriclasse.
Una vittoria ancora una volta di Mourinho, che ha indovinato quasi tutte le mosse (dico quasi perché io Cordoba nel finale non l’avrei mai inserito) e che soprattutto ha infuso nei suoi giocatori una convinzione che nell’Inter in Champions fino a quest’anno mai aveva mostrato.
Per poter alzare il trofeo dalle grande orecchie il 22 maggio a Madrid bisogna superare l’ultimo ostacolo, quel Bayern Monaco di Van Gaal che ha preso consistenza, proprio come i nerazzurri, di partita in partita, di qualificazione in qualificazione. Una sfida inattesa che metterà di fronte due squadra blasonatissime, magari poco spettacolari ma che di sicuro non lasceranno nulla d’intentato. Sulla carta l’Inter è favoritissima perché dotata di più talento e perché ai tedeschi mancherà Ribery che la Uefa ha tolto di mezzo con una squalifica di tre giornate.
Quella però sarà un’altra storia. Adesso l’Inter può godersi questo piccolo pezzo di storia scritto in una magica serata al Camp Nou.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment