Champions: le pagelle di Udinese-Arsenal 1-2

da arsenal.com

E’ durato solo un tempo il sogno dell’Udinese di beffare l’Arsenal e di accedere alla fase a gironi di Champions League. I Gunners dopo aver vinto all’andata per 1-0 si sono imposti anche al Friuli, questa volta per 2-1. A un primo tempo con tante occasioni chiuso dai bianconeri in vantaggio grazie a Di Natale è seguita una ripresa dominata dagli inglesi che sono andati in rete con Van Persie e Walcott. I friulani possono solo lamentarsi per il palo di Di Natale sullo 0-0 e per il rigore sbagliato dallo stesso attaccante napoletano sull’1-1. Una bella Udinese comunque che si arresa alla maggior qualità dell’Arsenal e si deve accontentare quindi dell’Europa League. Gunners che hanno reagito al meglio alle pesanti cessioni di Fabregas e Nasri e a un inizio di campionato pessimo.

Queste le mie pagelle

Udinese

Handanovic 7,5: sfodera tutta la sua classe per ritardare il crollo dei suoi. Non può nulla sui gol dell’Arsenal
Ekstrand 5: inizia da terzino ed è un incubo con Gervinho che lo buca da tutte le parti. Guidolin lo sposta al centro e le cose migliorano solo un pochino.
Neuton 6: in avvio di partita soffre Walcott, poi dalla sua parte non passa più nessuno. Sembra un ragazzo di personalità.
Benatia 5: l’opposto di Ekstrand. Inizia bene da centrale poi quando si sposta a destra subisce da matti la velocità degli inglesi. Emblematica l’azione del gol del pareggio quando Gervinho se lo beve senza problemi. (Dal 42′ st) Pasquale sv
Danilo 6,5: nonostante le difficoltà dei compagni di reparto lui se la cava piuttosto bene.
Isla 5,5: da una sua volata sulla destra nasce il clamoroso palo di Di Natale. Per il resto ne imbrocca davvero poche. (Dal 38′ st) Denis sv: il suo è più che altro un saluto ai tifosi visto che andrà all’Atalanta già da domani.
Badu 6: piace per il suo dinamismo e per la sua grinta. Avesse più precisione nei passaggi sarebbe già da grandissima squadra.
Asamoah 6: un bel primo tempo in cui ha fatto sfoggio di tutte le sue qualità fisiche e tecniche. Nella ripresa il suo rendimento è calato pesantemente.
Armero 6: anche lui inizia benissimo con le sue consuete cavalcate sulla fascia sinistra. Pecca un po’ di precisione e nella ripresa anche lui cala vistosamente.
Pinzi 6,5: molto attivo nonostante una nottata passata soprattutto in bagno. Suo il bellissimo assist per il gol di Di Natale. (Dal 18′ st) Fabbrini 5,5: paga lo scotto del battesimo europeo. Solo in un paio di occasioni riesce a mostrare il suo talento. E’ giovane, crescerà.  
Di Natale 7: certo sbaglia un rigore che poteva essere decisivo ma il gol è bellissimo. Poi prende un palo e in generale è pericolosissimo dall’inizio alla fine.
Guidolin 6,5: fa il massimo con il materiale umano a sua disposizione. Mica è colpa sua se l’Udinese per sopravvivere deve vendere i migliori (vedi Inler, Sanchez e Zapata)

Arsenal

Gervinho 8: il giovane ivoriano appena arrivato dal Lilla ha mostrato tutto il suo talento ed è stato a mio avviso il migliore in campo. Dribbla con facilità disarmante tutti gli avversari che cercano di sbarrargli la strada. Suo l’assist per il gol del pareggio di Van Persie. Probabilmente con un talento del genere a disposizione Wenger digerirà più facilmente la cessione di Nasri al Manchester City.
Walcott 7,5: segna il gol che chiude la partita e in generale con la sua velocità fa soffrire da matti la difesa dell’Udinese.
Szczesny 7,5: il giovane portiere polacco è uno dei protagonisti della vittoria dei Gunners: decisiva la sua parata su Di Natale in occasione del calcio di rigore.
Van Persie 7: la cessione di Fabregas gli ha regalato la fascia di capitano e lui l’ha onorata al meglio facendosi trovare pronto in occasione del gol del pareggio

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment