L’Epifania sorride all’Inter di Leonardo

Il campionato italiano ritrova la vera Inter nella prima giornata del 2011. Con il nuovo allenatore Leonardo in panchina, i nerazzurri hanno battuto per 3-1 il Napoli nel big match della 18esima giornata dando una dimostrazione di forza come mai in questa stagione. Probabilmente il tutto non è dovuto solo al tecnico brasiliano ma anche al recupero di alcuni giocatori importanti come ad esempio lo straordinario Thiago Motta che si è visto contro i partenopei. L’Inter è lontana ancora 13 punti dalla vetta della classifica (con due gare però da recuperare) ma probabilmente alla luce dei risultati delle 18esima giornata è forse ancora l’avversaria che fa più paura al Milan capolista.

Proprio i rossoneri hanno conquistato un successo importantissimo a Cagliari, perché arrivato nei minuti finali dopo una prestazione così e così e perché è arrivato nonostante le tante assenze (Ibra e Nesta su tutti). Una vittoria oltretutto firmata dal neo acquisto Cassano (autore dell’assist vincente) e dal vivaio con il gol del giovane Strasser e con la buona prestazione dell’altro ragazzino Merkel, partito addirittura dal primo minuto. Il Milan è già campione d’inverno con un turno d’anticipo visto il +5 sulla Lazio e il +6 proprio sul Napoli.

Comincia a far paura la Roma che è a -7 ma che vince pur giocando male e con la rosa che ha a disposizione Ranieri potrebbe ingranare una marcia da scudetto da un momento all’altro. Marcia che ci stupiremmo vedere innescata dalla Juventus che ha avuto un inizio d’anno da incubo. Non solo il 4-1 subito dal Parma all’Olimpico ma la stupida espulsione di Felipe Melo e l’infortunio di Quagliarella non lasciano presagire nulla di buono.

La prima giornata del 2011 ha detto anche che il Palermo può dire la sua nelle zone alte della classifica e che la lotta salvezza sta davvero entrando nel vivo. La vittoria del Bari nel derby contro il Lecce e il successo del Cesena a Brescia ci dicono che in fondo può ancora succedere di tutto.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment