Libri: Italia-Brasile 3-2

I mondiali sudafricani sono andati… male. Questa è la verità. E forse fanno ancora più male perché siamo partiti con il titolo di campioni e tante aspettative. Così in questa estate che – finalmente – comincia a diventare calda, un po’ di sollievo possiamo trovarlo solo nei ricordi. Tra le tante belle soddisfazioni, una partita, in particolare, ci è cara: “Italia-Brasile 3 a 2”. A quel mitico incontro è dedicato il romanzo di Davide Enia. Il libro è il

racconto minuto per minuto dal soggiorno di casa dell’incontro del 5 luglio 1982, la partitissima che aprì la strada all’Italia campione del mondo. Non solo le fasi altalenanti e febbrili dello scontro di due leggendarie nazionali di calcio, dal primo gol di Paolo Rossi all’ultima parata di Zoff : il vero protagonista è il gruppo di parenti e amici che, stipati di fronte al nuovo apparecchio TV a colori acquistato per l’occasione, vive i 90 minuti della sfida tra riti, scaramanzie, esaltazioni, depressioni, imprecazioni e devozioni. “Italia-Brasile 3 a 2” è un vero e proprio “caso” teatrale. Monologo da sempre in tournée, portato in giro per i teatri d’Europa, riesce a passare con l’elegante velocità di un tiro al volo dai comici microeventi del tinello palermitano a drammatiche partite in cui letteralmente ci si giocava la vita.

Caldamente suggerito (soprattutto a chi, per questioni anagrafiche, non c’era o non si può ricordare)

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment