Libri: l’Atletico Minaccia di Marco Marsullo

Si parla di calcio, di Mourinho, di schemi ma del mondo del pallone serioso da tv e processi non se ne vede nemmeno l’ombra… per fortuna aggiungeremmo. L’Atletico Minaccia nasce da una grande idea di Marco Marsullo, uno scrittore molto giovane, nato a Napoli nel 1985. E’ un libro uscito nel 2013 ma chi se lo è perso per fortuna fa ancora in tempo a recuperarlo. Fatelo, perché ne vale la pena: è scritto bene, è una storia carina e soprattutto fa riderete davvero tanto. Io mi sono trovato con le lacrime agli occhi alle 2 di una notte insonne.

Il filo conduttore è la stagione dell’Atletico Minaccia: è un storia ambientata al sud nei dintorni di Napoli e il protagonista Vanni Cascione è un allenatore “un po’ arrogante, un po’ ingenuo, un po’ sognatore un po’ canaglia”. Ha un amore assoluto per José Mourinho che imita in campo e anche in parte fuori.

I campi sono quelli polverosi dei gironi dell’Eccellenza e sono popolati dai classici personaggi mitologici: uno stopper soprannominato Trauma (e non c’è bisogno di spiegare il perché), un portiere cocainomane, un centrocampista migrante clandestino che può giocare solo in trasferta e così via. Sugli spalti ultrà tanto tamarri da fare ridere e un direttore sportivo Lucio Magia dalle dubbie capacità manageriali e dalla indubbia passione per le prostitute. Una squadra con un nome che vuole intimorire ma con colori sociali, giallo e rosa, più da “asilo nido”. Insomma tanti ingredienti esileranti per un libro che in ogni pagina strappa un sorriso.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn