Milan: col Tottenham serata da incubo

da marca.com

Il calcio inglese rischia di tirare un altro brutto scherzo al Milan in un ottavo di finale di Champions League. Per la terza edizione consecutiva i rossoneri nel primo turno a eliminazione diretta hanno subito una sconfitta a domicilio da una squadra d’oltremanica e ora l’ennesima esclusione prematura dalla massima competizione europea è davvero vicina. Per ribaltare lo 0-1 subito ieri sera a San Siro dal Tottenham, il Milan dovrà vincere a Londra nel ritorno del prossimo 9 marzo e segnando almeno due reti. Un’impresa difficilissima considerando la forza degli Spurs in casa spinti, come saranno, dal caldissimo pubblico del White Hart Lane e considerando anche il ritorno della stella gallese Gareth Bale.

I rossoneri ieri sera hanno dimostrato le loro difficoltà in partite contro squadre di alto livello soprattutto se affrontate a San Siro. La sconfitta casalinga contro il Tottenham segue quelle contro Roma e Juventus e il brutto 0-0 contro la Lazio. Tutte troppo simili per essere considerate delle sfortunate coincidenze. Ieri poi si sono evidenziati altri due aspetti negativi. Il nervosismo di Gattuso e Flamini, tutti e due vicinissimi al rosso sul campo, con il centrocampista italiano che alla fine del match ha sfiorato la rissa (nella foto) con il vice allenatore degli inglesi Joe Jordan (ex milanista tra l’altro) e che ora rischia una lunghissima squalifica in Europa e l’ennesima prova incolore in campo internazionale di Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese ha fatto ritornare in mente le tante prestazioni deludenti effettuate con le maglie di Juventus e Inter sempre nella massima competizione europea. Tra le pochissime note positive per Allegri, la buona tenuta difensiva (errore sul contropiede vincente di Crouch a parte) contro un avversario che nella prima fase di Champions aveva segnato più di tutti e l’ottima prestazione di Ignazio Abate, l’unico oltre la sufficienza ieri, che sta confermando sempre più di poter svolgere ad alti livelli il ruolo di terzino destro.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment