Milan vicino allo scudetto ma occhio alle volate Champions e salvezza

La 33esima giornata potrebbe essere stata quella decisiva per la lotta scudetto. Così un po’ all’improvviso il Milan ha creato un solco tra se e le avversarie. +6 sul Napoli e +8 sull’Inter a 5 giornate dalla fine sono un divario importante. Lo stesso Allegri ha detto che perdere questo “scudetto sarebbe un suicidio“. Bastano un paio di conti per capire che di suicidio si tratterebbe davvero. Ai rossoneri per vincere il campionato basteranno 9 punti su 15 e questo considerando un filotto di 5 vittorie dei partenopei. 7 punti su 15 invece considerando un 5 successi in fila dei cugini nerazzurri. Evenienze non impossibili certo ma di sicuro difficilissime.
Il Milan affronterà nelle prossime gare Brescia , Bologna (in casa), Roma, Cagliari (in casa) e Udinese. Un calendario non facile ma insomma, alla fine deve cogliere solo 3 vittorie.

Se la lotta scudetto sembra quasi finita di sicuro si è riaperta al massimo quella per gli altri 3 posti in Champions League. Le sconfitte contro Udinese e Parma hanno reso rimesso in ballo anche Napoli e Inter che devono fare i conti con Lazio e Udinese. Quattro squadre in sei punti, e una di queste dovrà accontentarsi dell’Europa League. Evento tragico se a finirci fosse l’Inter che fino a un paio di settimane fa sognava il triplete bis.

Per orientarci meglio ecco il calendario della volata Champions (in maiuscolo le gare in trasferta)

Napoli 65 punti: PALERMO, Genoa, LECCE, Inter, JUVENTUS
Inter 63 punti: Lazio, CESENA, Fiorentina, NAPOLI, Catania
Lazio 60 punti: INTER, Juventus, UDINESE, Genoa, LECCE
Udinese 59 punti: Parma, FIORENTINA, Lazio, CHIEVO, Milan

Apertissima anche la corsa per la salvezza. Io darei per retrocesso il Bari e per salvo il Chievo a 39 punti, ma dal Catania (36 punti) al Brescia (30 punti) ci sono sei squadre raccolte in sei punti per evitare gli ultimi due posti che portano in B. Vedo davvero malissimo la Sampdoria, ora terzultima, che era partita con ben altri obiettivi e ben altri giocatori (c’erano Pazzini e Cassano). Il calendario non è bruttissimo però i blucerchiati devono darsi una svegliata: la squadra che ha perso con Lecce e Milan retrocede sicuro. Il Brescia ha un piede in cadetteria però Milan a parte ha davanti tre scontri diretti. Come dire, ha il futuro nelle sue mani. Vedo meglio di tutte il Parma per organico e per l’entusiasmo che potrebbe avergli dato la vittoria contro l’Inter
Comunque per capirci qualcosa in più ecco la volata salvezza (in maiuscolo le gare in trasferta):

Catania (36 punti): JUVENTUS, Cagliari, BRESCIA, Roma, INTER
Parma (35 punti): UDINESE, Palermo, BOLOGNA, Juventus, CAGLIARI
Lecce (35 punti): GENOA, CHIEVO, Napoli, BARI, Lazio
Cesena (34 punti): BOLOGNA, Inter, CAGLIARI, Brescia, GENOA
Sampdoria (32 punti): BARI, Brescia, GENOA, Palermo, ROMA
Brescia (30 punti): Milan, SAMPDORIA, Catania, CESENA, Fiorentina

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment