Nba: il punto sui playoff di Luca Gregorio

Cari playoff Nba, avete un ritmo frenetico, ma proprio per questo appassionante ed elettrizzante. E in più i miei pronostici sono già stati, quasi tutti, smentiti.

A Ovest Memphis ha sovvertito ogni tipo di idea plausibile, ma questi Grizzlies fanno sul serio, giocano compatti e armonici e stanno camminando sui relitti di una San Antonio che sta finendo un ciclo, in particolar modo nella figura di Tim Duncan. Anche gli Hornets mi hanno colpito al cuore, anche se la serie se la sono complicata i miei Lakers con i soliti passaggi a vuoto: ma gara-5 ha ristabilito le gerarchie. E la fotografia è semplice: nell’ultima esibizione allo Staples Los Angeles ha tirato più liberi, dominato a rimbalzo, mandato sei uomini in doppia cifra e ha avuto il miglior Kobe Bryant, poco egoista, spettacolare e concreto (19 punti in 28′ e una caviglia malconcia).
Morale: se giocano insieme, i campioni saranno ancora loro.

Mi aspettavo qualcosa di più da Denver: il Gallo ha messo la firma su gara-4, ma la situazione è disperata e anche il mio pronostico su un eventuale gara-7 in questa serie è destinato a svanire. Stanno rispettando i piani Dallas e Portland: tutte partite bellissime, intense e in cui ha deciso il fattore-campo. Oltre al fattore Brandon Roy, condottiero dei Blazers nel terzo e quarto atto di questo incrocio.

A Est, perlomeno, ho centrato la qualificazione di Boston e Chicago (dei Bulls ho anche indovinato il pronostico), quella quasi certa degli Heat e magari Orlando avrà un colpo di coda e mi farà fare bella figura con un 4/4. A parte gli scherzi, inutile dire che la delusione si chiama New York: nel derby coi Celtics era lecito attendersi almeno un paio di vittorie. I Knicks l’hanno sfiorata in due serate, ma questo cappotto ha fatto cominciare i processi a Carmelo Anthony e ha invece ridato lustro alla banda terribile di Doc Rivers.
Bulls e Heat sono andati, tutto sommato, sul velluto, mentre Atlanta e Orlando hanno confermato la loro dose di incertezza. Ma è inutile fare troppi discorsi, perchè tra poche ore si torna sul parquet…

take enjoy, Luca Gregorio

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment