Nba: Kobe mvp dell’All Star Game (VIDEO)

Di Luca Gregorio

L’America è un posto magico. Los Angeles è la città di Hollywood. L’America è la patria delle commedie romantiche e delle storie d’amore e a L.A. si sta consumando da ormai più di un decennio quella fra Kobe Bryant e i Lakers. Un matrimonio solido, duraturo, probabilmente eterno e con Kobe che, guarda caso, è entrato a far parte della Walk of Fame (primo sportivo a riuscirci) in quanto icona di una franchigia e di una città. Bryant-Lakers, Lakers-Bryant: due concetti e due entità inscindibili l’una dall’altra e che, ieri notte, hanno raggiunto uno dei momenti più alti del loro amore indescrivibile. Kobe mvp nella partita delle stelle giocata sul parquet dello Staples Center: un finale che sembrava già scritto ancora prima di iniziare la partita (per la cronaca vinta dall’Ovest sull’Est 148-143 con 37 punti del Black Mamba) ma che non ha tradito le aspettative del popolo romantico e della tribù gialloviola.
“Amo Los Angeles e amo i Lakers” ha detto il numero 24 a fine partita. Frasi non di circostanza, ma sentite e reali, così come la risposta al momento, o forse sarebbe megio dire alla stagione, altalenante dei campioni in carica: “Stiamo facendo schifo” (espressione recitata dopo il ko di Cleveland). Parole dirette, capaci di entusiasmare nel primo caso, di ferire nel secondo, ma pur sempre veraci e con lo scopo di scuotere le anime dei tifosi losangelini.
Tre anelli con Shaq al fianco, due vinti con Gasol e la speranza di ripetere un three-peat che sarebbe destinato a fare leggenda. L’epilogo di questa stagione è, allo stato attuale delle cose, un punto interrogativo gigante.
Proprio come gigante è la classe di Bryant, gigante il suo amore per i Lakers e immenso l’amore che la gente dal cuore gialloviola nutre nei confronti di Kobe (compreso colui che vi scrive…)

guardate le migliori azioni dell’All Star Game 2011

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment