Uccide il gufo-mascotte, squalifica e multa

Niente carcere, come paventato in un primo momento, ma solo 400 euro di multa e due giornate di squalifica per Luis Moreno, difensore del club colombiano Deportivo Pereira, che domenica scorsa ha colpito con un calcione il gufo-mascotte della squadra avversaria, l’Atletico Junior di Barranquilla, provocandone la morte e scatenando così l’ira dei tifosi locali.
Il rapace viveva sul tetto dello stadio Roberto Melendez ed era stato scelto come mascotte della squadra. Il gufo, caduto in campo, è stato colpito dal pallone, restando stordito sul terreno di gioco. L’arbitro ha interrotto l’azione e Moreno lo ha allontanato dal campo con un violento calcio.
Inizialmente sembrava che l’uccello se la fosse cavata con una zampa rotta, ma la situazione si è progressivamente aggravata e alla fine l’animale non ce l’ha fatta. Moreno, per il quale la polizia colombiana aveva anche aperto un procedimento amministrativo per maltrattamento di animali, se l’è cavata con due sole giornate di squalifica e una multa di 1.070.200 pesos (circa 400 euro).

Guarda il video del calcio al gufo

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment