Una nuova era per la McLaren di Alonso e Button

Prima ancora dell’avvio della stagione 2015 la McLaren si aggiudica, secondo il nostro personalissimo cartellino, il premio “simpatia” per la campagna media che ha fatto da preludio al lancio della nuova monoposto di Formula 1: la MP4-30.

Con Fernando Alonso e Jenson Button in viaggio nel tempo verso il prossimo 15 marzo, la scuderia inglese ha quindi tolto il velo dalla nuova vettura mostrando le forme e i colori del progetto che ripropone il binomio McLaren – Honda, sodalizio che si chiuse nel lontano 1992 (la Honda torna nel Circus dopo sei anni di assenza assoluta). La casa giapponese fornirà infatti agli ingegneri di Woking la power unit RA615H Hybrid, un concentrato di nuove soluzioni che, se funzioneranno, potrebbero ribaltare i valori in pista.

 

La prima sorpresa è stata il colore: molti si aspettavano un monocolore bianco, mentre la scelta è caduta su una livrea grigio-argento, rosso e nero. L’effetto cromatico è comunque molto gradevole, forse tra i più belli del Circus.
Ron Dennis, AD del team inglese, ha descritto la nuova vettura come un’evoluzione raffinata di quella vista in pista lo scorso anno e la livrea, ha spiegato, rappresenta il brand McLaren nel ventunesimo secolo. Una vettura pronta a fare la storia, modestamente.

Le soluzioni aerodinamiche sono frutto del lavoro fatto in galleria del vento durante lo scorso inverno e gran parte delle novità tecniche sarebbero concentrate attorno al cambio.
Numerose le soluzioni introdotte dal nuovo direttore tecnico Peter Prodromou, “acquistato” a settembre dalla Red Bull, il cui contributo è visibile soprattutto nel disegno del muso, lungo e basso.
Per chi fosse interessato ad entrare nel dettaglio della monoposto inglese consigliamo la lettura di questo articolo.

Il nuovo matrimonio con la Honda è stato celebrato anche con un video che mette a confronto la nuova monoposto con la MP4-6, che vinse il titolo mondiale guidata da Ayrton Senna nel 1991.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Add Comment